METODO SUZUKI PER AVVICINARE I PIÙ PICCOLI ALLA MUSICA

logo_istituto_boccherini

Imparare a suonare attraverso l’imitazione, proprio come si impara a parlare da piccoli. È questo il concetto che sta alla base del “metodo Suzuki”, che anche quest’anno viene riproposto dall’Istituto superiore di studi musicali “L. Boccherini” attraverso laboratori e corsi dedicati ai bambini dai tre ai sei anni.

Lunedì 19 novembre, alle 17:30, nella Saletta Rossa dell’Istituto (piazza del Suffragio, 6) si terrà un incontro informativo rivolto ai genitori durante il quale verranno presentati al pubblico il Children’s Music Laboratory e i corsi di violino e violoncello.

 

Il sistema ideato dal violinista giapponese Shiniki Suzuki nella prima metà del Novecento ha cambiato l’approccio dell’educazione alla musica del ventesimo secolo e permette ai bambini molto piccoli di avvicinarsi agli strumenti con semplicità e naturalezza.

Il laboratorio, tenuto da Elena Meniconi, consiste in una lezione collettiva settimanale (in cui sono coinvolti anche i genitori) mirata a stimolare nel bambino lo sviluppo dell’orecchio musicale, la coordinazione motoria e il potenziamento della memoria. Al termine del primo anno di approccio alla musica attraverso questo particolare metodo, i bambini, in base ai desideri e alle attitudini dimostrate, potranno poi accedere ai corsi di violino e violoncello, tenuti rispettivamente da Francesca Profeta ed Elisabetta Sciotti.

 

Per eventuali informazioni, è possibile rivolgersi alla segreteria dell’Istituto al numero 0583 464104 nei giorni di martedì e giovedì dalle ore 14:30 alle ore 16:30 e il lunedì e venerdì dalle ore 11 alle ore 13.

 

Potrebbe anche interessarti...