Temporary title #8258

Home / curiosità musicali / Temporary title #8258
Temporary title #8258

Temporary title #8258

Lunedì 4 maggio “in scena” la seconda parte del concerto Puccini in lockdown ideato dalla Fondazione Festival Pucciniano con la Fondazione Orchestra Regionale della Toscana sotto la direzione artistica di Giorgio Battistelli.  “Puccini in lockdown è una prima reazione alle costrizione del Covid- dichiara Battistelli; un invito che abbiamo fatto ai musicisti a riprendere la loro attività, pur in isolamento e che hanno accolto l’invito realizzando le performance ognuno nel salotto di casa propria”.

Un vero live con audio e video ripreso da ciascun artista e mixati dall’ingegnere del suono Luca Bimbi. 65 le tracce lavorate in questa seconda performance.  Un concerto che esprime la voglia di tornare a fare musica e spettacolo dal vivo”. Alle ore 12 di lunedì 4 maggio tutti sintonizzati sul canale YouTube #festivalpuccini per emozionarsi con una delle arie più famose del repertorio pucciniano “O mio babbino caro”  interpretata da Valeria Sepe.

Artista partenopea tra i più promettenti giovani soprani nel panorama musicale italiano, acclamata interprete al Festival Puccini 2019 nel ruolo di Liù e protagonista di una brillante carriera su prestigiosi palcoscenici del mondo. A coordinare la performance sarà la direttrice Gianna Fratta che così definisce questo famoso brano: O mio babbino caro è l’aria del convincimento, quella di una figlia che vuole persuadere suo padre Gianni Schicchi a trovare una soluzione affinchè lei possa sposare il giovane Rinuccio, di cui è innamorata

Ultima parte del concerto “Puccini in lockdown” è per venerdì 8 maggio con il tenore Amadi Lagha. La presidente della  Fondazione Festival Pucciniano Maria Laura Simonetti ringrazia quanti hanno collaborato e contribuito a realizzare questa epica impresa.

Alle ore 12.00 in streaming dalle piattaforme social #festivalpuccini #orchestradellatoscana